Riunione operativa settore T.E. Fitetrec-Ante Piemonte

Sabato, 15 Dicembre 2018 08:57

Gassino Torinese lì, 13.12.2018

 

Oggetto:  Riunione operativa settore T.E. Fitetrec Ante Piemonte

Interessante e vivace confronto a Chivasso c/o il C.I. Lo Sperone, centro affiliato Fitetrec-Ante, sul Turismo Equestre in regione condotto dalla neonata commissione formata da Sandro Agati, Gaetano Borrello e Romina Ripa. Presenti i rappresentanti di dieci centri che operano sul territorio piemontese nel settore del T.E. e delle altre discipline in seno alla Federazione, dopo una breve introduzione sono stati presentati gli obiettivi del settore per l’anno 2019 che nonostante le caratteristiche e le difficoltà oggettive hanno suscitato interesse tra i partecipanti. Focus sull’esigenza reciproca sia da parte dei centri che da parte del comitato di avviare un processo di comunicazione ed informazione più efficace, sulla reale necessità di fare rete e di trovare nuove sinergie territoriali.

Si sono scoperte diverse lacune su alcuni argomenti di interesse generale quali: normative, regolamenti, assicurazioni; a tal proposito si sono invitati i responsabili dei centri a prendere parte ai corsi di aggiornamento con la frequenza stabilita dal Reg.Naz. e a consultare gli strumenti messi a disposizione dalla Fed. Anche attraverso il portale nazionale e le pagine social.

“ Si conferma che c’è la possibilità di richiedere la certificazione di Scuola Federale anche per i centri che operano nel settore del Turismo Equestre” ha affermato Borrello “Raduno in Rosa a marzo, Raduno regionale a giugno magari in occasione dell’inaugurazione di una o più tappe della Route di D’artagnan sono da mettere in calendario in tempi brevi, a tal proposito si invitano i centri interessati a darne comunicazione” ha continuato Gaetano.

Il Commissario Agati ricorda che la segreteria del regionale è a disposizione di tutti per raccogliere richieste, proposte e facilitare quanto più possibile la parte burocratica e associazionistica.

Tra gli argomenti presentati il T.E.S., introdotto da una presentazione di Romina R. ha coinvolto la maggioranza dei presenti, allo stesso tempo ha portato alla luce la scarsa omogeneità formativa dei tecnici/operatori e dell’offerta turistica attuale. L’interazione tra i partecipanti ha aperto un sano dibattito che ha sottolineato l’importanza di uniformare le varie esperienze con l’ausilio delle linee guida del nuovo progetto di Turismo Equestre Sostenibile redatto da T.B. nel 2017 e che intende premiare l’operatività e la dedizione al settore dell’equiturismo e al territorio di competenza. Solo un cenno ai dati statistici raccolti da varie fonti e proiettati a fine serata evidenziano la crescita costante dell’interesse verso questa straordinaria offerta turistica quale è il viaggio a cavallo da parte di un pubblico giovane e di fascia medio alta che predilige la natura intatta ai luoghi affollati e brevi esperienze rispetto a lunghi viaggi.

Visto il buon grado di interesse e l’attiva partecipazione possiamo dire che l’incontro si è concluso positivamente e fa ben sperare nello sviluppo del T.E. in una regione a forte vocazione equestre.

 

 

Romina R.